Cos’è l’Influencer Marketing?

Dell’Influencer Marketing negli ultimi anni ne abbiamo sentito parlare parecchio, e nei nostri precedenti articoli ne abbiamo spiegato diffusamente i vantaggi; ma sappiamo realmente di cosa si tratta e come si applica?

In questo articolo cercheremo di dare una definizione esaustiva di Influencer Marketing, come si sviluppano i diversi progetti, e quali Influencer scegliere per la propria attività.

 

#1 Cosa significa Influencer Marketing?

Con questo termine indichiamo una leva strategica di marketing che sfrutta i canali digitali di una persona esterna per arrivare alla propria community, con l’obiettivo di influenzarne le scelte d’acquisto o di opinione. 

Alla base di questa strategia c’è il concetto di passaparola, che non avviene tramite un conoscente, ma una persona “di fiducia” che seguiamo sui social network.

 

#2 Chi è un Influencer?

Un Influencer è una persona popolare nel web, che ha la capacità di influenzare i comportamenti e le scelte di un determinato gruppo di utenti; a differenza del testimonial, è una persona poco famosa, in cui le persone possono facilmente identificarsi.

Gli Influencer molto spesso hanno competenze in specifici settori (Cosmetica, viaggi, lifestyle), e sono in grado di creare un rapporto di fiducia con la community pubblicando contenuti prodotti in modo ben delineato (utilizzo dello stesso form, uso di un linguaggio specifico, etc..), influenzando appunto le scelte di acquisto e di comportamento dei follower.

 

#3 Quali Influencer scegliere?

Per sviluppare un progetto vincente, è fondamentale scegliere gli Influencer più efficaci a comunicare i nostri valori. Questa scelta non è per nulla banale; guardare il numero di follower non è abbastanza, ma è fondamentale analizzare il tasso di engagement dell’Influencer, ovvero quanti like, commenti e condivisioni vengono generati sotto ogni post.

A volte un Influencer con un numero inferiore di follower – ma con un engagement più alto – può risultare più efficace rispetto a un profilo con molti follower, ma in grado di generare poche reazioni ai suoi contenuti.

Esistono diverse tipologie di Influencer, che possono essere divise per numero di follower. Le Top Influencer, che hanno più di 100.000 seguaci, seguite dalle Macro Influencer (50.000 – 100.000 follower) e dalle Micro Influencer (2.000 – 50.000 follower). Per concludere, abbiamo la categoria delle Nano Influencer, ovvero persone seguite da meno di 2.000 follower.

Il coinvolgimento delle Influencer è legato alla finalità della campagna di marketing: se si vuole puntare sulla Brand Awareness (ovvero la notorietà del brand), le Macro Influencer sono sicuramente la scelta adatta, anche se il costo dell’intero progetto sarà alto.

Se si vuole ottimizzare il budget a disposizione, massimizzando l’impatto sui follower, è possibile coinvolgere i Micro Influencer. Il loro target infatti è più di nicchia, e questo fattore può portare all’azienda buoni ritorni in termini di notorietà con costi più contenuti.

 

#4 Alcuni dati sull’Influencer marketing

Dalle ultime ricerche condotte da Influencer Marketing Hub emerge un dato fondamentale: il tasso di crescita annuo medio del mercato dell’Influencer Marketing tra il 2016 e il 2020 è stato pari al 55%.

Che l’interesse attorno a questa strategia sia aumentato negli ultimi anni lo dimostrano anche i trend di ricerca su Google: si è passati dalle 3.900 ricerche al mese nel 2015, alle 61.000 del 2018, per arrivare alle 70.000 del 2019. Risulta credibile che entro la fine del 2020 le ricerche per “Influencer Marketing” si avvicineranno a quota 100.000.

Altri dati significativi: nel 2017, il valore del mercato globale degli Influencer era stimato di circa 1,07 miliardi di dollari, per arrivare a 2,38 miliardi solamente 2 anni dopo, nel 2019.

 

#5 Non solo vendita, ma anche immagine

Una campagna di Influencer Marketing può essere attivata per generare risultati lungo tutte le fasi del processo d’acquisto:

  • Brand Awareness: all’interno di questa fase troviamo obiettivi legati a intercettare un pubblico difficilmente raggiungibile con altri mezzi, aumentare il numero dei follower, promuovere l’identità del marchio e i propri valori.
  • Engagement: rientrano in questa fase gli obiettivi legati all’incremento delle interazioni sui contenuti
  • Conversion: le attività di Lead Generation, così come l’incremento del traffico al sito e delle vendite rientrano all’interno di questa fase

In conclusione, gli Influencer non sono dei semplici testimonial che possono essere ingaggiati esclusivamente per promuovere le vendite di un prodotto, ma al contrario possono essere dei veri e propri alleati del brand.

Soprattutto durante il lockdown che ha interessato l’Europa nella prima metà del 2020, le attività di Influencer Marketing, al contrario delle campagne pubblicitarie tradizionali, hanno risentito in modo marginale. Nello specifico, sfruttando l’empatia e il coinvolgimento che gli Influencer sono in gradi di generare, si sono sviluppati principalmente progetti mirati al rafforzamento dell’immagine del brand.

Selezionare gli Influencer giusti, dunque, è di fondamentale importanza per la buona riuscita di un progetto. In BeActuate studiamo attentamente il cliente e l’audience alla quale intende rivolgersi per coinvolgere i migliori Influencer che possano veicolare al meglio il messaggio e i valori del brand.

Vuoi saperne di più sui nostri progetti di Influencer Marketing? Contattaci per una consulenza personalizzata!